Buono postale fruttifero

By | 22 gennaio 2011

Presso la posta è possibile richiedere un buono postale fruttifero, si tratta di un titolo nominativo che può essere riscosso in qualsiasi momento. Naturalmente se viene incassato prima della scadenza non si recupera nessun interesse. Maggiore è il tempo che passa maggiori sono interessi che si accumulano sulla somma versata. Esiste però una data di scadenza, entro la quale il buono fruttifero cessa di produrre interessi, ciò accade al trentesimo anno di età. In Italia si tratta di un prodotto di investimento piuttosto richiesto soprattutto perché le poste hanno una diffusione maggiormente capillare rispetto alle banche, inoltre è una forma di investimento molto semplice, e su di essi non grava alcuna imposizione fiscale. Proprio per questa ragione il buono fruttifero postale anche se riscosso in anticipo è reso nell’interezza del suo capitale. Può essere intestato ad una o a più persone, richiedendolo presso l’ufficio postale bisogna scegliere l’importo del buono che parte da un minimo di 250 euro. Occorre avere con sé i documenti di riconoscimento che serviranno all’operatore per registrare il buono, ogni anno che passa sulla somma maturano interessi che possono essere identificati anche recandosi all’ufficio postale. Tutte le spiegazioni relative al rendimento di un buono fruttifero postale possono essere ottenute direttamente presso lo sportello oppure consultando il sito delle poste. rispetto a qualche anno fa qualcosa è cambiato soprattutto nella considerazione degli interessi maturati, quindi chi avesse buoni fruttiferi di molti anni fa recandosi in posta può ottenere tutte le informazioni necessarie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.